Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Educazione alla legalità e didattica innovativa

Educazione alla legalità e didattica innovativaGiorno 5 Dicembre scorso, le classi 2aL e 2aH, guidate rispettivamente dalle professoresse Antonella Clemente e Clementina Castrone, hanno condotto una presentazione in aula dei lavori, svolti da entrambe le classi, relativi ad una UDA condivisa di ed. alla legalità dal titolo "Da Laura a Lia - storie di morte e di libertà”.

 

Gli alunni hanno realizzato i lavori mediante il nuovo approccio metodologico della flipped classroom, ossia della classe capovolta, che ribalta il ciclo di apprendimento tradizionale fatto di lezione frontale, studio individuale a casa e verifiche in classe. Questo nuovo metodo si avvale del lavoro cooperativo di ricerca-azione condotto tramite l’uso di strumenti digitali e del web, dal momento che, oggi più che mai, gli interessi degli studenti nascono e si sviluppano al di fuori delle mura scolastiche. I ragazzi, traendo spunto dalle riflessioni e dalle attività promosse dalla scuola sul triste fenomeno del femminicidio, cui è stata dedicata una settimana di studi dal 18 al 25 Novembre, si sono occupati di conoscere la storia di due donne siciliane vissute in epoche diverse, ma accomunate dallo stesso atroce destino e cioè di essere vittime dei propri padri: Laura Lanza, baronessa di Carini e Lia Pipitone, figlia del boss dell’Arenella Nino Pipitone. Nella fattispecie, la classe 2aL, con un excursus storico-giuridico-sociale, ha trattato l’argomento in riferimento a Lia Pipitone, mentre la classe 2aL ha storicizzato, sceneggiato e rappresentato la storia della baronessa di Carini.

Tutti gli alunni, protagonisti attivi del loro sapere, hanno partecipato con entusiasmo ed interesse, hanno mostrato compiacimento ed orgoglio per i risultati raggiunti. Inoltre, lo scambio delle conoscenze è servito come proficua occasione di socializzazione e di condivisione degli apprendimenti. L’attività didattica si è conclusa giorno 17 Dicembre con la visita guidata della mostra e  del castello di Carini, completatasi  poi, con la partecipazione allo spettacolo di marionette dei pupi antimafia di Angelo Sicilia, che ha raccontato ai ragazzi la storia di Lia Pipitone.

Prof.ssa Clementina Castrone
Prof.ssa Antonella Clemente

ozio_gallery_jgallery